BeautyHair

Taglio shag o shaggy

Il taglio shag, detto anche taglio shaggy, divenuto famoso negli anni ’70 e ’80, torna di moda in versioni sempre più dinamiche, versatili e originali. Il termine “shag” e “shaggy” sono usati come sinonimi e identificano lo stesso tipo di taglio e si intende il taglio scalato, dalle lunghezze irregolari. Dall’inglese il termine “shaggy” significa arruffato, ruvido, ispido e richiama proprio l’effetto che si ottiene con la scalatura a più livelli. Lo shag hairstyle, infatti, è un taglio giocato sulle sovrapposizioni tra lunghezze diverse e su una forte scalatura interna che non rispetta le stesse regole del bob cut o del classico long bob, bensì, si caratterizza per lati molto scalati con punte molto sfilate. Le scalature sulle punte creano volumi concentrati nel centro della testa, ma il taglio prevede anche una frangia irregolare, asimmetrica, a tendina oppure ciuffi lunghi altrettanto scalati. 

Reso famoso negli anni ’70 e ’80 da star come Farrah Fawcett nell’iconica serie tv Charlie’s Angels e Jane Fonda, insieme al mullet fu tra gli haircut più scelti dalle rockstar. Negli anni ’90 visse un altro periodo di riscoperta, sfoggiato tra le altre da attrici come Jennifer Aniston e Meg Ryan. 

Il taglio capelli shag è un look scalato destrutturato che presenta grande flessibilità  e volume. La versatilità è uno dei suoi punti forti, e questo lo rende adatto a tutti. Per un viso lungo, optiamo per un taglio appena sotto il mento con una frangia più piena per accorciarne le proporzioni; per un viso tondo via libera a tagli più svuotati e leggeri con ciuffi lunghi che accarezzano gli zigomi e lunghezze oltre le spalle; per il viso a cuore o a diamante possiamo optare per haircut più lunghi che aiutino a verticalizzare le linee del viso; per un viso a triangolo, più largo nella parte superiore, premiamo una frangia sfilata e irregolare; per visi minuti ed elfici suggeriamo una scalatura decisa per alleggerire le lunghezze e dare più movimento alla chioma.

Lo shaggy si adatta molto bene anche a varie tipologie di capelli. Se abbiamo capelli fini, sottili e che si spezzano, puntiamo su hairstyle pieni, sfilati ma non troppo svuotati di volume nella parte superiore. Per capelli spessi e grossi, preferiamo hairlook meno pieni sopra, con una frangia molto irregolare, scalata e sfilata.

Lo shag è un taglio destrutturato dallo styling semplice e ribelle, da portare con un naturale effetto vento tra i capelli. Pratico e facile da gestire.
Per chi ha i capelli lisci suggeriamo una piega con punte leggermente pettinate verso l’esterno che conservi lo spirito selvaggio di questo hairstyle. Mentre per chi ha i capelli ricci spazio a look con pieghe e boccoli non troppo definiti.
 Il segreto per ottenere un super volume sui capelli è l’asciugatura a testa in giù con diffusore.

Se ti è piaciuto l’articolo lascia un commento e clicca sulla campanella per attivare le notifiche 🔔

Seguici anche su Instagram @mondonna.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button