Health & Fitness

COS’È LA FAME NERVOSA?

Hai mangiato perché ti senti triste? Annoiato? Arrabbiato? Perché sei nervosa, perché sei stressato, perché sei deluso dalla vita, perché hai litigato con il tuo partner,  cerchi qualcosa che dia un immediato senso di piacere e appagamento.

 Snack, merendine, patatine nel sacchetto, pane e marmellata, biscotti e caramelle potrebbero sembrare l’anestetico migliore, a portata di mano e apparentemente poco innocuo.

Il nostro comportamento alimentare può essere influenzato dalle emozioni che quotidianamente proviamo: stimolando la cosiddetta “Fame nervosa“.

La fame nervosa è un termine di uso comune per indicare quella che gli esperti di comportamento alimentare chiamano “Emotional Eating” Può essere definita come la tendenza ad utilizzare il cibo come strategia per fronteggiare eventi stressanti. 

Corrisponde, quindi, ad un cambiamento nel comportamento alimentare in risposta a degli stimoli emotivi negativi. 

Può portare sia a un aumento dell’assunzione di cibo che a un evitamento dello stesso.

Capita così che in preda alla fame nervosa si veda il mangiare come unico modo per sconfiggere la tristezza di un momento. Oppure per quietare i sintomi di irrequietezza e agitazione dell’ansia. 

Il cibo viene visto anche come unico motivo legittimo per concedersi una pausa, ad esempio, dal lavoro, dallo studio o da qualsiasi altra attività noiosa. O ancora un modo per scaricare e sfogare la rabbia. 

In tutti questi casi, si ricorre al mangiare non per soddisfare un bisogno fisiologico, ma per saziare una voglia di cibo scatenata da segnali emotivi.

Dopo l’assunzione dei cibi, il rilascio di dopamina attiva una sensazione positiva di piacere e quindi il cibo potrebbe rappresentare un valido tentativo di regolazione emotiva; tuttavia i risultati dello studio affermano il contrario.

Stati emotivi negativi attivano la fame nervosa che a sua volta provoca un peggioramento dell’umore che contribuisce nuovamente a stimolare la fame nervosa, determinando così un vortice che potrebbe spiegare lo sviluppo e il mantenimento di abbuffate o episodi di alimentazione incontrollata.

Si entra così in un circolo vizioso che può essere placato solo agendo SUL CAMBIAMENTO DEI NOSTRI PENSIERI E IL NOSTRO RAPPORTO CON L’ALIMENTAZIONE. Per fare questo bisogna prima di tutto RENDERSI CONSAPEVOLI DEL PROBLEMA, nel mio campo vengono poi utilizzati tecniche che ti portano ad un riequilibrio alimentare e ad un cambiamento delle nostre abitudini alimentari.

https://www.facebook.com/Dott.ssaRitaLandolino/

Rita Landolino

Scopri il mio metodo: Dimagrire Mangiando e Risparmiando , consulenze ONLINE per raggiungere il benessere! ? La prima consulenza te la regalo io! Dott.ssa Rita Landolino ☎ 391 751 0096 ➡Consulente Motivazionale ➡Psicologia Alimentare ➡Gestione Emozioni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button