Fashion

CINQUE COSE DA SAPERE SULLO STILE BOHEMIEN (ATTUALMENTE BOHO CHIC)

1. QUESTO STILE NASCE A META’ DELL’OTTOCENTO COME RIBELLIONE NEI CONFRONTI DEI COMPORTAMENTI APPROVATI PROPRI DELL’EPOCA IN INGHILTERRA E IN FRANCIA. NEL 1850 ARRIVA IN AMERICA;

2. I BOHEMIEN AVEVANO UNO STILE DI VITA NON CONVENZIONALE, ERANO PER LO PIU’ ARTISTI, SCRITTORI, PITTORI, MUSICISTI MA ANCHE VAGABONDI, AVVENTURIERI, SQUATTRINATI CHE VIVEVANO SULLA SOGLIA, SE NON PROPRIO NELLA POVERTA’, QUASI DEGLI EMARGINATI. LO STILE BOHEMIEN COMPRENDEVA ANCHE LA VITA PERSONALE E SOCIALE: AMORE LIBERO, VITA SEMPLICE MA DISINIBITA, FRUGALITA’;

3. LA FILOSOFIA DI VITA ERA QUELLA DI PRENDER LA VITA COME VIENE CON LEGGEREZZA, GODERE DEL PRESENTE, SPENDERE SOLDI QUANDO SI AVEVANO, VIVERE PER L’ARTE E L’AMORE E NELL’AUTOINDULGENZA.

4. QUESTA DECADENZA SI RIFLETTEVA ANCHE SULL’ABBIGLIAMENTO: ABITI E CALZATURE ERANO PERCIO’ USURATI, NON PROPRIO PULITI, I COLLETTI DELLE CAMICIE VENIVANO PORTATI SLACCIATI IN SEGNO DI RIBELLIONE. ANCHE L’ASPETTO ESTETICO ERA POCO CURATO, CAPELLI LUNGHI E BARBA INCOLTA PER GLI UOMINI. LO SCRITTORE E STORICO A.N. WILSON HA SOTTOLINEATO CHE “SIA NEL SENSO DELL’ABBIGLIAMENTO, CHE IN TUTTI I SENSI, WINSTON CHURCHILL FU UNO DEI PRIMI ESEMPI DI BOHEMIEN”, DATO CHE IL SUO STILE CAUSO’ GRANDE SORPRESA, QUANDO GIUNSE IN CANADA NEL 1943 (WIKIPEDIA)

5. NEL 2004 QUESTO STILE VIENE RIPRESO DA KATE MOSS E SIENNA MILLER E DIVENTA BOHO CHIC. E’ EVIDENTE L’INFLUENZA DELLO STILE HIPPIE EGIPSY: GONNELLONE O VESTITI LUNGHI, BLUSE RICAMATE, TANTE FRANGE, GILET, BIJOUX CON PERLINE E PIUME, CAPPELLI E STIVALI DA COWBOY O SANDALI IN CUOIO.

LASCIA UN COMMENTO SE TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO E SE VUOI SEGUIMI SU INSTAGRAM @nali.samare

nali.samare

Annalisa Sammarco, blogger per www.mondo-donna.it. Impiegata nel settore immobiliare. Ironica e autoironica. Appassionata di moda, fotografia e libri. Profondamente genovese e innamorata della sua città ma fiera delle sue origini meridionali. Seguimi su instagram @nali.samare

Articoli correlati

2 Commenti

Rispondi a ANNALISA SAMMARCO Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button