Life & Love

Giornata mondiale della gentilezza

Oggi, 13 novembre, è la Giornata mondiale della Gentilezza.

Nonostante si tenda a credere che la gentilezza sia sinonimo di fragilità, in realtà è l’esatto contrario: può renderci persino più forti. Essendo un atto cortese e altruista fa bene non solo a chi lo riceve ma anche a chi lo compie. Essere cortesi e ben disposti verso il prossimo fa bene alla salute: è stato infatti dimostrato da numerosi studi che le probabilità di ictus e infarto aumentano in coloro che hanno un temperamento aggressivo differentemente da chi ha un temperamento più sereno. La gentilezza, inoltre, è una dote contagiosa perché smonta l’aggressività altrui, migliora le prestazioni sul lavoro e i rapporti sociali scatenando l’emulazione tipica dei neuroni specchio, alla base dell’empatia. È anche un’efficace arma contro le liti, infatti può risolvere anche litigi che possono diventare violenti. Applicare la gentilezza è una strategia vincente anche sul lavoro, infatti è stato riscontrato che essere cortesi in ambienti lavorativi, rende lo stesso contesto più sereno alimentando in ogni individuo una condizione psicologica altamente positiva nei rapporti interpersonali. Infine, è importante anche sottolineare quanto la contagiosità di un comportamento dipende dall’apprendimento: se mi hanno insegnato a essere ben educato, io metterò in atto quel comportamento con una frequenza elevata. Per concludere, confermo che essere gentili, è un atto d’amore verso se stessi e verso il prossimo.

Dott. ssa Immacolata Dell’Aversana
Psicologa e Mediatrice familiare

Se ti è piaciuto l’articolo lascia un commento!

Seguici anche su Instagram @mondonna.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button